Casa Editrice il Punto - Piemonte in Bancarella, Tel. 011-22.38.112 Email. info@editriceilpunto.it
Tel.

LE CATENE DEI SAVOIA

15,00

Cronache di carcere, politici e soldati borbonici a Fenestrelle, forzati oziosi
Il Comandante di Fenestrelle scriveva: “Il peso poi della reclusione
lo sente abbastanza essendo chiuso in
camera non avendo che 6 ore a
passeggiare nella giornata nel corridoio della prigione colli altri ditenuti, e soffrendo la privazione di legna in questo rigido clima: è a mio senso anche necessario che un figlio
mentre è punito conosca nello stesso tempo l’umanità del padre per ricondurlo a buoni sentimenti. Nel mio particolare poi io non tollero che nessuno si appesantisca sulla sorte dè prigionieri oltre a ciò che mi viene prescritto dal ministero”.

COD: 9788888552880 Categorie: , , Tag: , , , , Product ID: 1410

Descrizione

Una domenica mattina del 1814 Giulia di Barolo, udendo le imprecazioni provenienti dalle carceri Senatoriali, vi entrò per osservare le pietose condizioni di vita in cui scontavano le
loro pene i detenuti. La vista delle donne e degli uomini custoditi nella prigione le cambierà la vita per sempre, consegnandola a “quell’oscuro mondo” per portarvi un po’ di luce.
Forse è proprio in quella data che si inizia a guardare alla realtà carceraria sabauda per costruire i timidi progetti di riforma.
Un universo fatto di verminia che ricopre i detenuti, esecuzioni atroci e spettacolari, il contenimento degli oziosi, le “spedizioni in via economica” dei discoli in fortezze ed il controllo sulle classi sociali più deboli. Fenestrelle, la più grande fortezza d’Europa, diventa un carcere in cui rinchiudere forzati, discoli, prigionieri politici e giovani da correggere. Tramite le storie di
condannati, giustiziati, donne di malaffare e borbonici, queste pagine vogliono offrire un contributo al quadro sociale e carcerario in anni in cui i “miserabili” si riversavano in Torino dalle campagne, facendo dei portici i loro giacigli. Il lettore potrà confrontare nomi, vicende, luoghi, date e curiosità, scrutare tra direttori carcerari e comandanti di fortezze. Un’occasione per ricostruire alcune pagine di Storia, prendendo le distanze da facili strumentalizzazioni di parte ed avvicinandosi alla comprensione dei motivi per cui gli atteggiamenti delle Istituzioni, verso quel mondo degli esclusi, non sembrano cambiare nel corso dei secoli.

PREFAZIONE DI ALESSANDRO BARBERO

POSTFAZIONE DI CLAUDIO SARZOTTI

http://www.storiainrete.com/wp-content/uploads/2012/11/+++-14-17-fenestrelle-anticipazione.pdf

http://www.detenzioni.eu/detenzioni.php?content_type=22&?content_type=22&content_id=1723

http://www.cr.piemonte.it/web/comunicati-stampa/comunicati-stampa-2012/249-ottobre-2012/910-le-catene-dei-savoia

http://www.gioventurapiemonteisa.net/le-bugie-dei-neoborbonici-su-fenestrelle-bossuto-e-costanzo-presentano-le-catene-dei-savoia-lunedi-5-novembre-alla-ca-de-studi-piemonteis/

http://video.repubblica.it/edizione/torino/il-libro-della-settimana-le-catene-dei-savoia/114741/113144

Informazioni aggiuntive

Autore

JURI BOSSUTTO, LUCA COSTANZO

Pagine

440

Formato

15×21

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “LE CATENE DEI SAVOIA”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…