Casa Editrice il Punto - Piemonte in Bancarella, Tel. 011-22.38.112 Email. info@editriceilpunto.it
Tel.
Libri novità Natale 2019 Editrice il Punto – Piemonte in Bancarella

Anche quest’anno l’Editrice Il Punto – Piemonte in Bancarella sorprende i suoi clienti con tre novità per il Natale 2019:

UN BON BICER ËD VIN… C’era una volta la Piòla

C’ERA UNA VOLTA LA PIOLA

Libro UN BON BICER ËD VIN… C’era una volta la Piòla Sino agli anni Settanta di piòle ce n’erano ancora tante a Torino, in centro, come in periferia. Oggi, quelle autentiche, quelle DOC, sono scomparse, lasciando il posto ad attività d’altro tipo, trasformandosi in bar anonimi, o al massimo in birrerie alla moda.
Via il bancone sontuoso e massiccio con dietro la stagera, via le sedie impagliate, le credenze addossate alle pareti, i tavoli pesanti di legno scuro. Via pure il pavimento fatto di assi o di vecchie mattonelle esagonali e le stufe accanto alle quali c’era il cestone della legna, e poi l tubo per il fumo, detto canun, che attraversava tutta la stanza, solitamente appeso con il fil di ferro.
Nelle pagine di questo libro le piòle sono descritte nelle loro innumerevoli sfaccettature, tra l’amarcord e il desiderio di salvare dall’oblio una parte importante della cultura piemontese.

 

 

 

 

 

A LA MANERA ‘D GIANDUJA

Gianduja

Libro a la manera ‘d Gianduja. Uno, nessuno e centomila Gianduja. La storia del burattino simbolo del Piemonte è talmente vasta e variegata da meritare un libro che la affronti analizzandola sotto tutti i punti di vista. Il lettore potrà scoprire chi furono gli inventori di Gianduja – dei quali si forniscono forse per la prima volta degli spunti biografici precisi e documentati – e si sorprenderà della complessità degli spettacoli che lo videro protagonista. Immagini d’epoca delle Giandujeidi e dei carnevali ottocenteschi permetteranno di “immergersi” in una Torino molto, molto diversa da quella odierna. Ed oggi? Gianduja vive ancora nell’arte di marionettisti e burattinai che, intervistati dall’autore, narreranno il loro particolarissimo mondo. Per concludere con la realtà delle associazioni, la Famija Turinèisa e l’Associassion Piemontèisa che mantengono viva l’immagine del Gianduja simbolo di Torino; in modo particolare, questo volume ha il pregio di contenere l’autobiografia di Andrea Flamini, per oltre mezzo secolo il Gianduja dell’Associassion, dettata all’autore con il desiderio di vederla, prima o poi, pubblicata.

 

 

 

 

ALPINI IN PIEMONTE E VALLE D’AOSTA

MARIO TONINI

Alpini in Piemonte e Valle d’Aosta. Due regioni e un corpo militare. Tanta storia e tanti ricordi. Battaglie vinte, guerre perse. Simboli e linguaggio, luoghi e vette. Poi la piana russa, il caldo torrido africano e ancora la vita di caserma. Dal 1872 ad oggi sono cambiati loro, gli Alpini, e anche le due regioni. Un fatto. Per anni sono state costruite caserme e fortificazioni. Ora sono macerie o utilizzate per altro. Rimangono i ricordi e i segni, sono attivi i professionisti, vanto italiano nel mondo. Si faceva la naja, ora no. Si andava in guerra ora alcuni la studiano. C’erano divise colorate e poi grigio-verdi, infine mimetiche. Sono cambiate le armi, i muli sono sulle foto e nulla più. Le lapidi nei nostri paesi ci ricordano più generazioni che non hanno avuto un domani. Ricordiamo davvero la ritirata della Russia? Sappiamo di essere stati in Africa, in Grecia e in Francia a combattere? La storia è davvero come la ricordiamo o come a scuola l’hanno raccontata? Questo volume non è scolastico, non è enciclopedico e neppure nozionistico. Semplicemente, con “colore” dipinge una storia davvero a tinte grigie. È curioso scoprire che il primo alpino indossava i mocassini, aveva la giubba azzurra e sul capo aveva un cappello alla “calabrese”.

 

Aggiungi Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *