Casa Editrice il Punto - Piemonte in Bancarella, Tel. 011-22.38.112 Email. info@editriceilpunto.it
Tel.

BANDIERA DRAPÒ PIEMONTESE

15,0018,00

 

BANDIERA DRAPÒ PIEMONTESE Croce bianca in campo rosso con bordo e lambello blu

 

COD: N/A Categorie: , Tag: , , Product ID: 2894

Descrizione

LA BANDIERA DEL PIEMONTE

Creato il principato di Piemonte il 15 agosto 1424 per il figlio primogenito, il duca Amedeo VIII ne diede la bandiera. Egli scelse il classico stendardo della dinastia, una croce bianca in campo rosso, sormontata dal simbolo araldico che contrassegnava la primogenitura, il “lambello”: questa figura, di colore azzurro, è composta da un listello dal quale pendono tre gocce, che indicano proprio che lo stemma appartiene al primogenito della casata.
Per i piemontesi lo stendardo del principe divenne subito il vessillo della propria terra, affettuosamente chiamato “Drapò”, contrazione in lingua piemontese del francese drapeau. Lo stendardo accompagnò le battaglie delle armate piemontesi: nel 1706, durante l’assedio di Torino era issato sulla Torre civica di San Gregorio, il 19 luglio 1747, assieme ai vessilli dei battaglioni dell’esercito sabaudo, sventolava sull’Assietta.
Nel 1983 il Consiglio Regionale del Piemonte (con L.R. n. 308) adottò il vecchio simbolo del principe di Piemonte quale stemma del Piemonte. Con la legge regionale 83 del 25 novembre 1995 la Regione Piemonte precisò la bandiera ufficiale della regione, disponendo all’Art. 1: “La Bandiera del Piemonte è costituita da croce bianca in campo rosso a lambello blu con contorno blu e frangia oro. La dimensione è di centimetri centocinquanta per cento. La larghezza della croce è di centimetri venti. La larghezza del contorno è di centimetri dieci. La frangia è di centimetri sette”. Questo stendardo è esposto nella Sala delle Bandiere del Quirinale a Roma, insieme a quelle delle altre Regioni d’Italia.

Informazioni aggiuntive

Formato

100 X 150 cm, 70 x 100 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “BANDIERA DRAPÒ PIEMONTESE”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…